, ,

Sanzioni Privacy ridotte ai 2/5 del minimo edittale: il Garante spiega come

COSA?

Il 19 Settembre 2018 è ufficialmente entrato in vigore il decreto legislativo 101/2018  che ha coordinato le vecchie norme nazionali in materia di privacy con il GDPR, ed ha introdotto la possibilità di una definzione agevolata dei procedimenti sanzionatori pendenti. 

QUANDO?

A partire dal 19 settembre dunque chi intende avvalersi di questa facoltà potrà oblare le sanzioni mediante il pagamento in misura ridotta di una somma pari ai due quinti del minimo edittale stabilito per la sanzione. Il pagamento dovrà essere effettuato però entro il 18 dicembre 2018.

CHI?

Potranno usufruire di questa speciale procedura quanti abbiamo ricevuto entro il 25 maggio 2018, data di piena applicazione del Regolamento Ue, l’atto con il quale sono stati notificati gli estremi della violazione o l’atto di contestazione.

COME?

Per maggiori informazioni su come approfittare dello sconto sulle sanzioni, il Garante ha pubblicato una serie di indicazioni operative per chiarire a soggetti pubblici e privati come usufruire della definizione agevolata dei procedimenti sanzionatori pendenti, disponibili qui.

E QUINDI?

Conviene valutare per bene i rischi cui si va incontro decidendo di non pagare le sanzioni ed eventualmente approfittare di questa finestra, seppur breve, per chiudere le situazioni pendenti in maniera agevolata.

 

Resta aggiornato sulle prossime novità seguendo TechnoLawgy su Twitter e su Fb 

Se ti è stata utile questa analisi, condividila sui tuoi canali #Social, Be Influent!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.